TRIBUNALE

Truffa dell'Anfe, ammesse 90 parti civili al processo di Trapani

di

TRAPANI. La strenua opposizione delle difese ha ridotto a una novantina (le richieste erano quasi 200) le parti civili ammesse nel processo che, davanti al giudice monocratico Fabio Oreste Marroccoli, vede imputati, per truffa aggravata, l’ex presidente nazionale e regionale dell’Anfe, il salemitano Paolo Genco, di 63 anni, Aloisia Miceli, di 56, di Monreale, direttore amministrativo dell’ente di formazione travolto dall’inchiesta della Guardia di Finanza sull’utilizzo, secondo l’accusa, «illecito» dei fondi destinati alla formazione professionale, Rosario Di Francesco, mazarese, di 54, direttore della Logistica e delle Attrezzature, Paola Tiziana Monachella, di 48, responsabile dell'Anfe di Castelvetrano, e l’imprenditore Baldassare Di Giovanni, 59 anni, palermitano, titolare della «General Informatica Centro».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X