CONTRADA CIANCIO

Coltivava marijuana in casa: marsalese condannato a 8 mesi

di

MARSALA. Otto mesi di reclusione, con pena sospesa. E’ stata questa la condanna patteggiata, davanti al giudice Maria Pia Blanda, da un marsalese di 34 anni, Pietro Saladino, incensurato, che lavora saltuariamente come pescatore, arrestato una ventina di giorni fa dai carabinieri per coltivazione di marijuana.

A difendere Saladino è stato l’avvocato Vincenzo Sammartano, che per il suo cliente è riuscito anche a far annullare anche la misura cautelare dell’obbligo di firma in caserma. I carabinieri erano intervenuti a seguito di una segnalazione, trovando dodici piante di marijuana in una casa di contrada Ciancio, attualmente disabita, ma nella quale Saladino, fino a qualche tempo fa, viveva con la moglie, da cui si è poi separato.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X