GIUDICE

Aggredì un carabiniere a Trapani, giudicato incapace di intendere e di volere

di

TRAPANI. Urlando «Io sono Gesu», «azzannò» un carabiniere, provocandogli una ferita all’avambraccio destro giudicata guaribile in 10 giorni. Ma il pm Sara Morri ha chiesto al giudice per le udienze preliminari di Trapani, Antonio Cavasino, di «non doversi procedere» a carico di un giovane di 22 anni, G.A., finito sotto processo con le accuse di lesione personale e resistenza a pubblico ufficiale.

Una perizia, svolta dallo psichiatra Gaetano Gurgone, di Marsala, ha stabilito, infatti, che il giovane era incapace di intendere e di volere al momento del fatto.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X