IL PROVVEDIMENTO

Inchiesta Mare Nostrum, si aggrava la posizione dell'ex sindaco di Trapani Fazio

di

TRAPANI. Si aggrava la posizione giudiziaria dell’ex sindaco di Trapani, Girolamo Fazio, indagato per corruzione, nell’ambito dell’indagine «Mare Monstrum». Fino a questo momento si sapeva che l’indagine per corruzione riguardava i rapporti tra Fazio con l’armatore Ettore Morace, l’appoggio, in cambio di ricompensi vari, che Fazio da deputato regionale avrebbe garantito alla Liberty Lines, concessionaria delle rotte sociali tra la Sicilia e le isole minori. Adesso la Procura di Trapani ha scoperto che Fazio sarebbe stato corrotto da un altro imprenditore trapanese.

La notizia è venuta fuori dopo il nuovo provvedimento notificato dai  carabinieri del Comando Provinciale di Trapani e Palermo su ordine del Gip di Trapani: un nuovo provvedimento di sequestro per equivalente. Il sequestro riguarda un appartamento nel centro storico di Trapani, adibito a B&B in precedenza sequestrato, assieme ad un altro, e poi dissequestrato, e questo solo dopo che Fazio su un libretto infruttifero, consegnato al Gip, ha depositato una somma contante corrispondente al presunto prezzo della corruzione, poco più di 100 mila euro

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X