IL PERSONAGGIO

Trentacinque anni fa il delitto Montalto, tra i primi ad indagare sui patrimoni dei mafiosi

di

TRAPANI. Trentacinque anni fa a Valderice, la mafia uccideva il sostituto procuratore Giangiacomo Ciaccio Montalto. Cosa Nostra colpì in un momento particolare della vita del magistrato: si muoveva senza scorta e nei suoi confronti c’era un isolamento che nasceva dalle divisioni in Procura, e poi il suo prossimo trasferimento a Firenze.

Per il suo omicidio sono stati condannati come mandanti, Totò Riina e Mariano Agate. Il padrino di Mazara fece girare la voce sull’imminente delitto del magistrato, era l’agosto dell’82 - «Ciaccinu arrivau a stazione» andò dicendo con arroganza, passando davanti alle celle del carcere dov’era rinchiuso.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X