IL CASO

Impianto per biometano a Calatafimi, non si utilizzeranno rifiuti ma l'organico

di
impianto biometano calatafimi, Trapani, Economia

CALATAFIMI SEGESTA. Continua a tener banco e anzi si è surriscaldata la situazione attorno alla proposta di realizzazione, da parte della società Solgesta srl, di un impianto di energia rinnovabile di produzione integrata di Biometano in contrada Gallitello, nel Comune di Calatafimi Segesta.

Nei giorni scorsi infatti nel corso dell’incontro per la costituzione del Comitato «No Gassificatore – Inceneritore Calatafimi», il sindaco Vito Sciortino ha distribuito ai presenti alcuni documenti, che portavano la data 14 dicembre 2017, con il quale evidenziava la revoca da parte dell’amministrazione comunale, in autotutela del «parere condizionato» espresso lo scorso 13 settembre 2017. L’amministrazione comunale di Calatafimi Segesta infatti, dopo avere fornito un «parere condizionato» favorevole alla realizzazione ha poi sollevato alcuni dubbi chiariti da Legambiente ma anche dal parere di alcuni tecnici, i quali hanno evidenziato che l’impianto non si occupa solo di frazionare i rifiuti organici ma anche del trattamento termico dei rifiuti (Gassificatore) rivolto alla produzione di Syn-Gas.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X