LE INDAGINI

La passione dei Messina Denaro per l'arte, i traffici illeciti e le accuse a Becchina

CASTELVETRANO. Matteo Messina Denaro ha ereditato la passione per l'arte dal padre, Francesco. Un hobby di cui parlano i pentiti, a partire da Angelo Siino, che raccontano aneddoti sui ritrovamenti di reperti archeologici e sul loro traffico internazionale. Affari che avevano come principali interlocutori persone di Roma e della Svizzera.

E al centro di questi traffici ci sarebbe Gianfranco Becchina, commerciante di arte e anche di olio, che è stato intercettato anche mentre si occupa di politica e di sostegno a candidati.

Gli inquirenti, come riporta il Giornale di Sicilia, sono al lavoro per verificare la portata di questi traffici illeciti di reperti e opere d'arte attraverso i numerosi documenti ritrovati nel corso dell'operazione dei giorni scorsi. Lavoro però reso più complicato dal misterioso incendio che si è sviluppato nel Palazzo Pignatelli dove sarebbero andati in fumo anche altri documenti.

Ecco i beni sequestrati al mercante d'arte Becchina - Foto

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X