OPERAZIONE ERMES

Chiesti 32 anni per i presunti postini del boss Messina Denaro

TRAPANI. Tra i 16 e i 3 anni di carcere sono le condanne invocate dai pm della Dda Carlo Marzella e Gianluca De Leo per i quattro imputati del processo scaturito dall’operazione antimafia «Ermes» del 3 agosto 2015.

Un’indagine che ha cercato di esplorare il mondo dei presunti «postini» del superlatitante Matteo Messina Denaro. La pena più severa (16 anni) è stata chiesta per il salemitano Sergio Giglio, 47 anni, allevatore, pregiudicato. Undici anni, invece, sono stati invocati per Ugo Di Leonardo, di 75 anni, ex geometra del Comune di Santa Ninfa, incensurato. Maggiori dettagli sul Giornale di Sicilia oggi in edicola.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X