IL CASO

"Il peso dei rifiuti non era veritiero", amministratore della Sicilfert sotto processo

di

MARSALA. Si gioca tutto sulla più o meno rilevante differenza di peso “lordo” dei mezzi dell’Aimeri Ambiente carichi di rifiuti da trasformare in concime il processo che davanti al giudice monocratico Iole Moricca vede imputato, per truffa e falso materiale e ideologico, il marsalese Pietro Foderà, 33 anni, amministratore della Sicilfert. L’imputato è accusato di avere “barato” sul peso dei rifiuti (organico) conferiti dai mezzi dell’Aimeri per conto dell’Ato Tp1.

Fatti sui quali ha indagato il commissario capo dei vigili urbani Vincenzo Menfi. Tra i diversi Comuni costituitisi parte civile, c’è anche Marsala, rappresentato dall’avvocato Luigi Cassata, che nel corso del processo ha chiesto e ottenuto di citare la Sicilfert come “responsabile civile”. Gli altri Comuni parte civile sono Paceco, Erice, Valderice, Alcamo, Custonaci, Calatafimi, Castellammare del Golfo.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X