LE RICERCHE

Caccia ai tre evasi da Favignana, la testimonianza di un detenuto: "Io legato e imbavagliato in cella"

TRAPANI. Ancora nessuna traccia dei tre pericolosi detenuti fuggiti l’altra notte dalla casa di reclusione «Giuseppe Barraco» nel centro di Favignana.

Carabinieri, polizia e guardia di finanza stanno cercando, anche con un lavoro investigativo sui cellulari che si trovavano nella zona quando è avvenuta l’evasione, Adriano Avolese, 36 anni, all’ergastolo per omicidio, Giuseppe Scardino, 41 anni, condannato a 15 anni per una serie di rapine violente e per il tentativo di omicidio di un poliziotto a Scoglitti, frazione di Vittoria e il suo amico e complice Massimo Mangione, 37 anni, condannato a 12 anni e 8 mesi, per gli stessi reati.

I tre erano in cella insieme da qualche mese.  E’ emerso anche che nella cella coi tre evasi c'era un quarto detenuto che è stato legato e imbavagliato per evitare che desse l’allarme. Questo testimone è stato interrogato a lungo ieri dagli investigatori per ricostruire le fasi e gli orari precisi della fuga. I carabinieri vogliono capire anche se l’uomo sapesse da prima della preparazione del tentativo di evasione considerato anche che i fuggitivi hanno segato le sbarre della finestra.

Un omicida e due violenti rapinatori, ecco chi sono i tre evasi di Favignana - Nomi e foto

Scardino e Mangione erano stati trasferiti sull'isola dopo un tentativo di fuga dal carcere di Siracusa dov'erano reclusi. L'inchiesta mira ad appurare anche come mai i due, amici e complici nei reati per cui sono in carcere, e che tentarono di fuggire insieme a Siracusa, fossero nella stessa cella.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X