L'INCHIESTA

Omicidio Mirarchi, polvere da sparo sulle mani di Girgenti

di

TRAPANI. Tracce, seppur minime, di sostanze riconducibili all’uso di armi da fuoco, il passaggio di un’auto che sembra essere proprio quella dell’imputato nella zona del delitto pochi minuti dopo gli spari e soprattutto le “bugie” dette agli investigatori circa i suoi movimenti la sera del 31 maggio 2016.

Sono parecchi gli indizi che non depongono certo a favore di Nicolò Girgenti, 46 anni, marsalese, bracciante agricolo e vivaista, processato in Corte d’assise, a Trapani, con l’accusa di essere uno degli assassini (a sparare sarebbero state due pistole) del maresciallo Silvio Mirarchi, vice comandante della stazione di Ciavolo, fu ferito a morte con un colpo di pistola mentre, in contrada Ventrischi, con l’appuntato Antonello Massimo Cammarata, rimasto miracolosamente illeso, era impegnato in un appostamento volto a contrastare furti di ortaggi, più volte segnalati da un agricoltore della zona.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X