IL CASO

"Spese pazze all'Ars", Giulia Adamo annuncia ricorso in Cassazione

di

MARSALA. Condannata dalla Corte dei Conti, anche in appello, a risarcire l’Assemblea regionale siciliana pagando 65.554,90 euro per le cosiddette «spese pazze» contestate a diversi capigruppo, l'ex deputato regionale ed ex sindaco di Marsala Giulia Adamo si difende con grande vigore.

«In relazione alla sentenza emessa in questi giorni dalla Corte dei Conti, che ricordo non essere definitiva e rispetto alla quale ricorrerò in Cassazione – dichiara Giulia Adamo - ribadisco di aver sempre gestito le risorse dei Gruppi parlamentari da me presieduti in maniera corretta e trasparente. Come è noto, tutti i deputati che in quel periodo hanno ricoperto il ruolo di capo gruppo sono già stati condannati in appello sulla base di una interpretazione da parte dalle Corte che, in mancanza di una legislazione in materia e dell’obbligo di rendicontazione, oggi giustamente previsto ma allora inesistente, imputa la responsabilità di tutte le spese tout court ai Presidenti».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X