ANNA MADRE

Peschereccio sequestrato, ancora bloccati in Tunisia due componenti dell'equipaggio

peschereccio sequestrato, Trapani, Cronaca
Pescherecci Aliseo e Anna Madre (foto d'archivio)

MAZARA DEL VALLO. Sono giunti al dodicesimo giorno di sciopero della fame Giacomo Giacalone e Salvatore Calia, rispettivamente comandante e direttore di macchina del peschereccio mazarese Anna Madre con il quale si trovano a Sfax dopo il sequestro del natante, nella notte tra il 15 e il 16 settembre scorsi, in acque internazionali, da parte di militari tunisini. Il protrarsi della vicenda ha convinto gli armatori a proclamare il silenzio stampa.

I due marittimi non possono lasciare il peschereccio e rientrare in Italia se prima la società armatrice non pagherà l'ammenda di 69 mila euro inflitta dalla Commissione interministeriale tunisina. I restanti otto componenti dell’equipaggio nei giorni scorsi hanno potuto lasciare la Tunisia.

Nonostante l’interessamento alla vicenda dichiarato da parte di politici e diplomatici presenti la scorsa settimana a Mazara del Vallo nell’ambito della VI edizione di Blue sea land, da giorni si è in fase di stallo e così gli armatori, oltre al silenzio stampa, hanno deciso di scrivere una lettera al presidente della Repubblica e al presidente del Consiglio.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X