COMUNE

Castelvetrano, il servizio taxi sociale ripartirà

di

CASTELVETRANO. Un mese fa i vandali squarciarono i copertoni del mezzo e da allora il taxi sociale del Comune non si è più mosso. Tante le proteste, ma il commissario Salvatore Caccamo non si dà per vinto: «Non ci lasciamo intimidire da questi gesti. Si deve garantire la trasparenza e la legalità e faremo ripartire il servizio. È difficile il lavoro degli assistenti sociali, sempre dei più bisognosi». E gli assistenti precisano: «Noi non siamo solidarietà sociale, ma offriamo servizi al cittadino».

Probabilmente non tutti hanno compreso che il vento è cambiato, con lo scioglimento del Consiglio comunale, «Castelvetrano, a torto o a ragione - dice il commissario - è entrato in un contesto che non può garantire il contributo all’istante, il pagamento dei fitti e nemmeno può provvedere immediatamente a riparare, sostituire un pezzo di ricambio dei mezzi usati, incaricare immediatamente una ditta per riparare un pozzo comunale, per fare degli esempi, se non arriva prima l’informativa antimafia, come prevede la legge, dalla Prefettura con i sui tempi che arrivano ai sessanta giorni».

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X