MIGRANTI

Sequestro Iuventa, l'Ong: "Accuse da vigilantes vicini all'estrema destra"

TRAPANI. Le accuse mosse alla Ong tedesca  Jurgen Rettet, che hanno portato al sequestro della nave Iuventa  che operava nel Mediterraneo per il soccorso di migranti, «si  basano su dichiarazioni contrastanti di due agenti di sicurezza  privati, legati a gruppi di estrema destra italiani». Lo dicono  i vertici di Jurgen Rettet, che stanno tenendo una conferenza  stampa a Trapani dopo aver visto all’autorità giudiziaria il  dissequestro della nave.

«Ci troviamo dinanzi ad una falsificazione terrificante del materiale probatorio raccolto contro di noi», dicono i responsabili della Ong. «Uno dei due agenti accusatori riferisce che gli scafisti sono fuggiti via verso la Libia con una barca di legno; il secondo afferma che sono andati via con un gommone. Una contraddizione palese».
L’Ong ritiene che le accuse mosse nei loro confronti siano "strumentali e inconsistenti». «Eppure - dice l’avvocato Leonardo Marino - questi elementi sono stati ritenuti sufficienti per avviare un’indagine e procedere al sequestro preventivo della Iuventa».

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X