DOPO GLI ASSALTI

Pescherecci mazaresi scortati dalla Marina

di

MAZARA DEL VALLO. A pesca per lavoro ma vigilati dall’equipaggio di una nave della Marina militare italiana. Forse è la prima volta, in questa lunga «guerra del pesce» che si svolge nel Canale di Sicilia, che militari italiani, su richiesta, sorvegliano gli equipaggi mazaresi che pescano in una zona di mare produttiva di triglie.

Dopo l’«aggressione» al peschereccio» «Aliseo» del 19 agosto scorso e quello antecedente del 2 agosto, vittima il peschereccio «Anna Madre» , per scongiurare altri tentativi di sequestro, da mercoledì sera tre pescherecci mazaresi (Aliseo, Anna Madre e Atlantide) effettuano le loro battute di pesca in acque internazionali, a circa 30-35 miglia Nord-Est dalla località tunisina di Zarzis, vigilati, come si diceva, dall’equipaggio di una nave della Marina militare italiana.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X