ABUSIVISMO

A Castelvetrano fondi per demolire le case abusive di Triscina

di

CASTELVETRANO. Il Comune di Castelvetrano chiede e ottiene i soldi per demolire le case abusive della frazione balneare di Triscina. Una doccia fredda per i centosettanta proprietari dei villini costruiti nella località turistica, a due passi dai templi di Selinunte. Con circa sei chilometri di spiaggia fine e dorata, Triscina rappresenta una meta molto ambita per innumerevoli turisti.

Il Comune ha chiesto e ottenuto un prestito dal Fondo di rotazione nazionale per i comuni sciolti per infiltrazioni criminali, pari a tre milioni di euro. Saranno destinati agli studi di fattibilità, alla progettazione e a tutte le opere propedeutiche alla demolizione dei manufatti abusivi ed al successivo smaltimento in discarica dei detriti. Sono centosettanta gli immobili destinati nei prossimi mesi a finire sotto le ruspe. I proprietari avranno presto notificato il provvedimento di demolizione. Già a partire da mercoledì si insedierà una task force, composta dai componenti della Commissione che amministra il Comune dopo lo scioglimento, da dipendenti comunali e da due funzionari ministeriali sovraordinati.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X