L'INIZIATIVA

Villa Pepoli a Trapani, bagni chiusi e degrado: parte una petizione per gli interventi

di

TRAPANI. La villa «Pepoli» si trova in condizioni di degrado e di abbandono e l’associazione provinciale «Noi Consumatori» ha avviato una petizione tra i frequentatori e quanti sostano nel secondo polmone verde della città per chiedere l’immediato intervento del Comune ed un eventuale incontro con il commissario straordinario di Palazzo D’Alì, Francesco Messineo. A far scattare l’iniziativa dell’associazione, tra l’altro, un piccolo incendio sviluppatosi l’altro pomeriggio con rimasugli di telai e quant’altro che fanno da bella mostra tra i vialetti. In un paio d’ore la petizione sarebbe stata già sottoscritta da diversi cittadini.

La situazione in cui si trova villa Pepoli è davvero precaria e la nota stessa cita le note dolenti: quasi come biglietto da visita, appena all’ingresso, la vasca si presenta con acqua verde ed ormai putrida e con lo zampillo fuori uso; le panchine in marmo letteralmente pezzate in due ed abbandonate, altre devastate dai vandali e decine di massi di marmo lasciati da almeno un decennio lungo il muretto interno della villa che fa ad angolo con la via Conte Agostino Pepoli.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X