INDAGINI

Neonata ceduta a una coppia a Marsala, il "prezzo" era di 10 mila euro

di

MARSALA. Diecimila euro sarebbe stato il prezzo pattuito per la cessione della neonata partorita, lo scorso dicembre, all’ospedale Sant’Antonio di Trapani dalla 38enne marsalese A.M. a una coppia senza figli: L.G., di 34 anni, e P.C., di 28, anche loro marsalesi, abitanti sulla via Salemi (contrada Amabilina).

I tre sono stati posti agli arresti domiciliari, con braccialetto elettronico, mercoledì mattina, dai carabinieri del Reparto operativo – Nucleo investigativo del Comando provinciale di Trapani in esecuzione di un provvedimento emesso dal Gip Caterina Brignone.

Il sistema utilizzato dai tre arrestati non è nuovo. Un uomo, dopo il parto, si presenta all’ufficiale di Stato civile e dichiarata di essere il padre naturale, affermando di aver avuto una relazione extraconiugale con la madre del neonato (in questo casa, una neonata). L’accusa contestata ai tre protagonisti della vicenda è, infatti, è alterazione dello stato civile in concorso mediante falsa attestazione di paternità. Un reato che prevede da 5 a 15 anni di carcere. Il prezzo pattuito per la cessione, 10 mila euro, mai versati a causa dell’avvio dell’indagine, emerge da una intercettazione ambientale dello scorso 17 febbraio (“cimice” sull’auto in uso a L.G.).

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X