IL CASO

Triscina, il mercatino in mezzo ai rifiuti

di

CASTELVETRANO. Il mercatino rionale di Triscina che si svolge la sera d’estate ogni lunedì, mentre il giovedì si trasferisce a Marinella di Selinunte, presenta parecchie criticità soprattutto dal punto di vista igienico sanitario e della sicurezza. Sono migliaia le persone che frequentano il mercatino, tra questi anche molti i turisti e che si trova nella circonvallazione che ospita 180 commercianti ufficiali ,mentre altri sono nella maggior parte extracomunitari non tutti autorizzati.

Purtroppo gli stessi commercianti sono costretti a stazionare nella detta Circonvallazione e a convivere con una situazione di estrema precarietà causata dalla mano incivile dell’uomo che continua a far diventare quella circonvallazione una vera discarica. E non è difficile vedere materassi sul ciglio della strada vicino alle mercanzie degli ambulanti, che hanno più volte lamentato lo stato di abbondano del posto. C’è da aggiungere che la circonvallazione , ai margini esterni della strada, presenta una fitta vegetazione di canne, che, in alcuni tratti vanno quasi a toccare le tende dei commercianti. Per cui, se malauguratamente, dovesse partire un incendio, le conseguenze potrebbero essere gravi.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X