LE INDAGINI

Omicidio a Campobello di Mazara, disposta l'autopsia sul corpo di Marcianò

CAMPOBELLO DI MAZARA. Sarà eseguita domani nell'obitorio del cimitero di Mazara del Vallo l'autopsia sul 47enne Giuseppe Marcianò, originario di Carini ma residente a Campobello di Mazara, ucciso ieri a colpi di arma da fuoco in contrada Bosco vecchio, nella frazione balneare di Tre Fontane.

Intanto carabinieri del Nucleo investigativo di Trapani e della Compagnia di Mazara del Vallo proseguono con interrogatori e perquisizioni per fare emergere elementi utili alle indagini. Diverse le piste al momento seguite dagli investigatori.

Secondo le prime ricostruzioni, sarebbe stato freddato da due killer. Le modalità del delitto e la vicinanza della vittima ad ambienti di Cosa nostra fanno pensare a un omicidio di mafia.

Era genero di Pino Burzotta, ex consigliere comunale del Psi di Mazara, arrestato e poi assolto nell’ambito dell’indagine antimafia «Petrov», persona spesso citata in indagini antimafia. Lo zio di Marcianò, Diego Burzotta, ritenuto il boss della famiglia mafiosa di Mazara, fu arrestato nel 1998 in Spagna dov’era latitante, aveva iniziato a collaborare ma poi decise di non parlare più.

Nel 2001 gli fu notificato un ordine di custodia cautelare in carcere con l’accusa di aver «gestito» attività illecite legate a Cosa nostra. È stato condannato all’ergastolo per omicidio.

 

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X