L'INIZIATIVA

A Castelvetrano un orto per coltivare la legalità

di

CASTELVETRANO. Già prima degli anni Ottanta per la famiglia Madonia di Palermo doveva essere un buon agrumeto quello di contrada Canalotto a Castelvetrano. Sette ettari dove primeggiavano arance, mandarini e limoni: alberi in produzione in una terra vocata, per di più, agli uliveti.

Poi l’arresto per mafia, nel 1983 la confisca del patrimonio immobiliare. Per decenni è rimasto un ampio lotto di terreno improduttivo. L’agrumeto non è stato curato, i magazzini rurali vandalizzati, l’impianto di irrigazione abbandonato. Quando la cooperativa «Girasole» – alla quale il Comune di Castelvetrano nel 2008, sei mesi dopo averlo avuto trasferito dal Demanio - gli affidò quel terreno – del florido aranceto non c’era più nulla. L’incontro con Alessandro La Grassa del Cresm, la cooperativa con sede a Gibellina, ha fatto fare il giro di boa.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook