TRIBUNALE

Finti preziosi venduti a Marsala, condannati due palermitani

di

MARSALA. Truffarono un marsalese convincendolo a comprare dei «fondi di bottiglia» spacciati per pietre preziose. A tre anni di distanza dal fatto, però, sono stati condannati a sei mesi di reclusione, nonché ad un multa di 300 euro, dal giudice monocratico del Tribunale di Marsala  Leonardo Bruno Vivona.

Autori del raggiro sono stati due palermitani: Rosario Fasone e Francesco Immesi. Per quest’ultimo la pena è sospesa. Un terzo imputato, Domenico Immesi, è stato invece assolto dall’accusa di truffa. Il fatto è accaduto nel 2014, quando Francesco Immesi, in una strada del centro di Marsala, avvicinò un uomo chiedendogli dove potere far valutare delle pietre preziose. A quel punto si avvicinò il «complice» Fasone, il classico «compare», che avrebbe detto di essere un orafo professionista e che dopo avere visto le pietre «preziose» le stimò tredicimila euro.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X