CASTELVETRANO

Immigrato accusa ex compagno di cella:
assoldava soldati per la lotta jihadista

di

PALERMO. In carcere avrebbe fatto proselitismo per la jihad ed esultato per la riuscita criminale degli attentati avvenuti di recente in città come Stoccolma e Londra. Saud Almagasbi, libico di 22 anni, parlando con un compagno di cella, minacciava e prometteva di vendicarsi contro di «loro, per gli anni trascorsi in carcere».

E con il pronome loro avrebbe inteso «il popolo europeo». Ad accusare Almagasbi, imputato in un processo per un naufragio costato 220 morti e che già rischia l’ergastolo (è accusato di aver fatto parte del gruppo di scafisti), è un ex compagno di detenzione, un marocchino di 40 anni, impaurito da ciò che aveva sentito nel carcere di Castelvetrano: pur avendo finito di scontare la pena e dunque non avendo alcunché da guadagnare con la propria deposizione, l’uomo si è rivolto alla polizia penitenziaria lo stesso giorno della propria scarcerazione, l’11 maggio.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA IL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X