IL CASO

Marsala, la città delle fontane abbandonate

di

MARSALA. Non sono molte le fontane pubbliche a Marsala, ma quelle che ci sono vengono lasciate, nella maggior parte dei casi, in stato di abbandono.

E’ il caso, ad esempio, delle tre principali fontane del centro urbano: la Fontana del Vino di Piazza Francesco Pizzo, opera d’arte del maestro Salvatore Fiume, fatta realizzare tra gli anni ’60 e ’70 dall’allora deputato regionale marsalese, Enzo Costa; la Fontana del Purgatorio di Piazza monsignor Salvatore Lombardo, il sacerdote marsalese che nel ‘500 donò alla sua città di origine gli otto Arazzi Fiamminghi e la piccola e suggestiva Fontana del Putto che è nell’atrio del palazzo dei Pubblici Uffici di via Garibaldi, sicuramente la più fotografata da turisti e visitatori, anche se in «pietose» condizioni di manutenzione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE CARTACEA DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X