SERIE B

Trapani, occhi lucidi e tante incognite sul futuro di Calori e della società

di

TRAPANI. Tanti occhi lucidi, e tra questi quelli dell’allenatore Alessandro Calori, al «rompete le righe» che è stato deciso in casa granata dopo la retrocessione diretta in Lega Pro. Molti giocatori non saranno a Trapani il prossimo anno perché, trattandosi di prestiti, faranno rientro alle rispettive «case madri» o perché in scadenza di contratto ed in età non più verde o comunque, sulla carta, poco adatti alla Lega Pro. Lo stesso tecnico ed il direttore sportivo Fabrizio Salvatori sono in scadenza.

«Con la società non ci siamo sentiti. Non è il momento di parlarne», dice Calori riferendosi anche alla vicenda di ordine giudiziario che coinvolge il principale sponsor del Trapani, la Liberty Lines, l’azienda della famiglia del patron Vittorio Morace che è socia, con lo stesso comandante, del club granata.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X