AMMINISTRATIVE

La Regione: niente rinvio a Trapani. I candidati inquisiti costretti a restare in corsa

di

PALERMO. Una volta presentata la propria candidatura, gli aspiranti sindaci non possono ritirarla. Anche se ai domiciliari, anche se destinatari di misure cautelari, se queste non inficiano il diritto di voto e a essere eletti, i candidati sono «costretti» a restare in corsa. C’è pure una sentenza del Consiglio di Stato a stabilirlo e spiega che, al massimo, i candidati possono decidere di non fare campagna elettorale o di rinunciare alla fine all’eventuale elezioni.

Dunque a Trapani la competizione dovrebbe proseguire salvo colpi di scena dell’ultima ora. Gli uffici dell’assessorato alle Autonomie locali, guidato da Luisa Lantieri e dal dirigente Giuseppe Morale, hanno provato a fare chiarezza sulla situazione che si è venuta a creare a Trapani dove un candidato a sindaco, Mimmo Fazio, è stato posto ai domiciliari nell’ambito di una inchiesta per corruzione mentre per un altro candidato, Tonino D’Alì, la direzione distrettuale antimafia di Palermo ha chiesto il soggiorno obbligato e l’esito si saprà a luglio.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X