FORZE DELL'ORDINE

Ancora furti di cave di rame a Castelvetrano, ora è allarme

di

CASTELVETRANO. I fili di rame dell’Enel e quelli della Telecom vanno «a ruba» a Castelvetrano. Ennesimo furto di rame a danno dell’Enel ma con conseguenze anche per gli utenti.

A causa della sottrazione di fili che alimentano il pozzo Ciancimino, i cittadini saranno privati di circa venti litri al secondo di acqua.

Ad accorgersi del furto Francesco Mandina, che assieme ad altri impiegati monitorano ogni giorno i pozzi. Il furto ha interessato i cavi di media tensione per quattro campate, che in termini più pratici significano circa cinque cento metri di rame «nudo», senza guaina che è quello che sposta la media tensione.

Ignoti nel corso della notte sono entrati facilmente nel recinto dove si trova ubicato il pozzo, saltando una ringhiera e hanno fatto man bassa di rame.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X