L'ALLARME

Rischio desertificazione per la riserva di Marsala

di

MARSALA. L’allarme lanciato nei mesi scorsi dall’Associazione Strutture Turistiche, presieduta da Gaspare Giacalone, dalla“Pro Birgi”, diretta da Franco Gambina e dalla Associazione Ambientalista “Vivere Marsala”, è stato finalmente raccolto a livello istituzionale. Il sindaco di Marsala, Alberto Di Girolamo, è infatti tornato a riproporre in maniera ufficiale alla Regione la richiesta di un intervento tecnico-scientifico per l’affidamento dello Stagnone, «condizione essenziale per attenzionare in maniera seria e concreta quella che è oggi, in maniera sempre più decisamente preoccupante, la criticità della Laguna protetta».

E ciò in conseguenza del fatto che le tre associazioni, che da anni ne denunciano il “malessere”, hanno ora, in pratica, lanciato un vero e proprio “allarme” circa la sopravvivenza dello Stagnone, messa realmente in serio pericolo dal mancato riciclaggio delle acque.

Proprio nei pressi di San Teodoro, nella zona antistante l’ingresso dell’Isola Lunga, si è da tempo infatti creata una vera e propria “secca”, presupposto della desertificazione della Laguna marsalese.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X