IL CASO

Acque reflue a Trapani, è scontro tra il Comune e l'ex Provincia

di
acque reflue, trapani, Trapani, Cronaca
Libero consorzio di Trapani

TRAPANI. Il Libero Consorzio Comunale di Trapani (l’ex Provincia) aveva notificato al Comune di trapani un’ingiunzione per il pagamento della complessiva somma di trentamila euro per sanzioni relative a infrazioni accertate negli ultimi cinque anni in ordine al superamento dei valori limite di emissione dello scarico delle acque reflue in uscita al depuratore di via Libica. Il Comune si è opposto ed il contenzioso approda in Tribunale.

La causa è fissata per il 15 maggio. Le violazioni che il Comune contesta erano state rilevate dall’Arpa (l’Agenzia Regionale per la Protezione dell'Ambiente della Sicilia) a seguito di numerose ispezioni dalle quali, in particolare, sarebbe emerso il superamento dei valori limite di emissione in acque superficiali previsti dalle tabelle in ordine ai parametri “Solidi sospesi totali”, “Azoto nitrico” ed “Alluminio” ed “Escherichia coli” (una specie di batterio).

GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X