IL PROCESSO

Omicidio di mafia a Partanna, due condanne

di
Trapani, Cronaca

PALERMO. Salvatore Lombardo fu ucciso con due fucilate, a Partanna, davanti al bar “Smart Cafè”, il 21 maggio 2009. Lombardo sarebbe stato punito per il furto di un camion carico di merce del supermercato Despar. E all’epoca, gestore “di fatto” del supermercato sarebbe stato un presunto mafioso di Partanna: Giovanni Domenico Scimonelli.

Secondo la Dda, sarebbe stato proprio Scimonelli il mandante dell’omicidio. A sparare, invece, con un fucile calibro 12, sarebbero stati Attilio Fogazza e Nicolò Nicolosi. I due che si sono autoaccusati del delitto sono stati condannati questa mattina dal gup Fabrizio Anfuso a 16 anni ciascuno. I pm Francesco Grassi e Carlo Marzella ne avevano chiesti 12 ma il giudice non ha riconosciuto agli imputati la attenuante della collaborazione. Scimonelli ha invece scelto il rito ordinario e il suo processo si sta svolgendo a Trapani.

"Prima lo pigghia cca (alla spalla destra, ndr) e chistu un muriu, u tempo ca chistu scappa verso il bar Nicola ci tira un altro colpo”. Così Fogazza ha ricostruito la drammatica cronaca dell'agguato di sette anni fa.

"Nel 2009 - ha raccontato il pentito - arrubbano a stu supermercato, Scimonelli dice 'a mano veni sempri i dintra' (la mano viene sempre da dentro, ndr), dopo quattro cinque giorni viene e dice io 'u sacciu cu è, Lombardo, funciazza (soprannome con cui la vittima era conosciuta in paese, ndr)”.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Trapani: i più cliccati