LA TRAGEDIA

La morte del piccolo Andrea, superperizia per stabilire le responsabilità

di

MARSALA. La costituzione di parte civile dei genitori del piccolo Andrea Mistretta, morto a soli tre anni, dopo quattro giorni di agonia, il 13 aprile 2016, all’ospedale “Villa Sofia” di Palermo, per un trauma cranico con emorragia cerebrale, è stato il primo atto dell’udienza preliminare davanti al gup Annalisa Amato per decidere sulla richiesta di rinvio a giudizio, per omicidio colposo, avanzata dal pm Anna Sessa per il 57enne pediatra marsalese Antonino Parrinello.

A rappresentare i genitori dello sfortunato bambino (Fabrizio Mistretta e Manuela Monteleone) sono gli avvocati Alessandro Casano e Gaspare La Grassa. La loro richiesta è stata ammessa dal Gup. Hanno chiesto, poi, di costituirsi parte civile, con l’avvocato Giovanni Crimi, anche le associazioni Codici onlus.

Ma a questa richiesta si sono opposti gli avvocati difensori Stefano Pellegrino e Stefano Venuti Pellegrino, sostenendo la “mancanza di interesse diretto” di Codici al risarcimento del danno e “l’inefficacia del consenso dei genitori del piccolo Andrea prestato agli enti stessi perché si costituissero”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

PERSONE:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

Correlati

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X