MIGRANTI

Trapani, una biblioteca al centro d'accoglienza

di

TRAPANI. «Sognando ad occhi in giù» attraverso la lettura, lasciandosi rapire da un viaggio immaginario denso di emozioni e di fascino, ma anche per integrarsi imparando la lingua italiana per non essere più considerato un ospite, un diverso, un intruso.

Una piccola biblioteca è stata allestita nei locali del centro di primissima accoglienza “La Girandola” di piazza XXI Aprile dove vengono ospitati i migranti minori che giungono a Trapani dopo aver superato mille peripezie in mare, rischiando la propria incolumità nei cosiddetti “Viaggi della speranza” che, però, non sono altro che viaggi della disperazione effettuati per sfuggire a violenze, per ricostruirsi una nova esistenza in terra straniera, lontano dagli affetti familiari e dal proprio Paese. L’iniziativa denominata appunto “Sognando ad occhi in giù” è stata realizzata grazie ad importanti case editrici che hanno accolto la richiesta avanzata dalla cooperativa sociale “Badia Grande”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X