CAVE DI TUFO

Ancora crolli a Marsala, cede il terreno in via Colaianni

di

MARSALA. Un altro cedimento del suolo si è verificato nell’immediata periferia urbana marsalese, costellata da antiche cave di tufo sotterranee più delle volte calcarenitiche, che di tanto in tanto, indebolite dal tempo e dalle infiltrazioni di acqua piovana, all’improvviso finiscono per cedere. Non riuscendo più a sostenere il peso dello strato superficiale.

L’ultimo crollo è avvenuto nella zona di via Napoleone Colaianni, l’arteria che collega via Dante Alighieri - ex Circonvallazione - a via Vita. Il suolo è improvvisamente sprofondato davanti a una autocarrozzeria-centro revisioni. Per un’inezia non ha provocato il crollo anche di quest’ultima. Per ovvie ragioni, al momento, l’attività commerciale è stata sospesa.

Continua, invece, ad operare un’azienda che si occupa di lavorazione del marmo che è a pochi metri di distanza. Sin dagli anni 70-80, la zona di via Colaianni è densamente urbanizzata e solo per qualche decina di metri la frana non ha interessato le abitazioni civili. Sul posto si sono già recati i tecnici del Comune per il sopralluogo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X