ACQUA

Erice, il comune presenta un esposto contro l'Eas

di

ERICE. Omissione di atti di ufficio e appropriazione indebita. Sono le “fattispecie di reato” che il sindaco di Erice Giacomo Tranchida chiede, in un esposto-denuncia contro l'Eas, (l'Ente acquedotti siciliani),  che siano accertate dalla Procura della Repubblica di Trapani.

L’iniziativa fa seguito alla mancata risposta da parte dell’Eas ad una diffida per la consegna di documentazione, notificata telematicamente il 17 dicembre scorso. Attraverso di essa un legale incaricato dal Comune, l’avvocato Vincenzo Maltese, aveva chiedeva la “trasmissione di estratti di ruolo utenti” e, in generale, “ogni documento idoneo a quantificare le somme a titolo di canoni fognari e depurativi, pagate nel tempo dai cittadini all'Eas, in maniera contestuale in seno alle bollette e fino al 31 dicembre 2016, ma mai versate alle casse comunali”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X