MEMORIA

Salemi, in 10 cabine il museo della mafia

di

SALEMI. Nell'ex Collegio dei Gesuiti di Salemi, si può visitare il museo della mafia, nato nel 2010 su suggerimento di Francesca Traclò della Fondazione Rosselli e dell'allora sindaco Vittorio Sgarbi.

Gli allestimenti e la progettazione portano la firma dell’artista Cesare Inzerillo con il coordinamento generale di Elisabetta Rizzuto.

Il museo è costituito da 10 cabine che sono un pò come le stazioni di una via crucis, e 4 sale che raccontano gli abusi edilizi, lo sfregio degli impianti eolici al paesaggio, la cronostoria delle più impotanti vicende di mafia e le opere di artisti che raccontano la mafia. Nella sala degli abusi edilizi l’artista Cesare Inzerillo racconta, a suo modo, la Palermo di Vito Ciancimino proponendo la mummia di un morto di mafia incastonata in un pilone di cemento.

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook