TRADIZIONI

Salemi, i «pani» di San Biagio attrazione turistica

di
pani di san biagio, salemi, Trapani, Cultura
Pani di San Biagio a Salemi

SALEMI. Gran successo a Salemi per i laboratori dedicati alla lavorazione dei pani di San Biagio, a chiusura della festa in onore del compatrono salemitano. Mentre ha tra l'altro chiuso i battenti al Castello Normanno-Svevo, dopo dieci giorni, la mostra “San Biagio in Italia. I luoghi, il culto, le feste”.

Tanti sono stati, negli ultimi due weekend, i curiosi che si sono appassionati alla preparazione dei cosiddetti “cavadduzzi e cuddureddi di San mBrasi”: comitive locali, aggiunti ai turisti in visita ad uno dei borghi più belli d'Italia, hanno avuto l'opportunità di mettersi direttamente all'opera con impasti e pinze sotto la supervisione di occhi sapienti.

Protagoniste sono state quelle mani femminili che operano secondo una tradizione che si tramanda da intere generazioni di nonne, mamme e figlie, proseguendo un uso lungo quasi seicento anni: da quando cioè si celebra il miracolo che, leggenda vuole, liberò Salemi da un'invasione di cavallette grazie all'invocazione di San Biagio. Tutto risale circa al 1540, e da allora ogni 3 febbraio hanno inizio le consuete celebrazioni nello storico quartiere Rabato, dove sorge la chiesa dedicata al santo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X