GUSTO

La cucina trapanese alla conquista del Giappone

di

TRAPANI. Dal cous-cous alle sarde allinguate, dai gamberi rossi ai prodotti di tonnara e tante altre delizie. La tradizione culinaria della storica Cantina siciliana, un angolo del gusto nell'antico quartiere della Giudecca, a Trapani, conquista il Paese del Sol Levante, riscuotendo un grandissimo successo in due ristoranti giapponesi, dove sono stati preparati piatti per più di cento commensali.

Le prelibatezze che hanno fatto la fortuna del locale, un pò retrò dominato da maioliche sgargianti e oggetti tipici del folclore siciliano, come i famosi carretti, dove a farla da padrone sono i sapori della cucina locale - lì il cous cous si prepara ancora come 50 anni fa - hanno stuzzicato e deliziato il fine palato dei giapponesi che vivono a Hayama, in provincia di Kanagawa e a Ginza, nelle vicinanze di Tokyo.

A preparare i piatti tipici, presso il ristorante Piscaria di Takuitsu Izumo, Pino Maggiore, gestore della Cantina e ambasciatore della cucina della città falcata, aiutato dallo chef in gonnella, Hajer Aissi, tunisina d’origine ma trapanese d’adozione.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO L'ARTICOLO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook