CORTE DEI CONTI

Marsala, medico condannato a risarcire 18 mila euro

di

MARSALA. “Si faceva pagare dai propri pazienti non riversando tali somme all’amministrazione sanitaria, violando anche la normativa dettata per disciplinare l’attività medica intra moenia ed extra muraria e percependo così indebitamente, da parte della propria amministrazione, l’intera retribuzione variabile di posizione e di risultato”.

Con queste motivazioni la Sezione giurisdizionale della Corte dei conti (sentenza 42/2017) ha condannato il chirurgo Giuseppe Maggio, 63 anni, all'epoca in servizio all'ospedale di Marsala, a restituire all'Asp di Trapani 18.156 euro, somma corrispondente alle indennità illegittimamente incassate. “Avendo il convenuto percepito la retribuzione intera, a fronte di una attività professionale esterna, per la quale era previsto un trattamento economico ridotto, tale attività – scrivono ancora i giudici contabili - rende quanto percepito in più a titolo di retribuzione di posizione variabile e di risultato un comportamento amministrativo illecito, con un indebito, con conseguente dovere di risarcimento/restituzione a titolo di responsabilità amministrativa per tutto l’anno 2007”.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook