CARABINIERI

Lunga scia di furti di rame nel Trapanese: scatta il blitz, 10 misure cautelari

di
Blitz, carabinieri, furti di rame, Trapani, Cronaca
Gaetano Mancuso e Ali Bouaziz

PALERMO. Dieci persone sono accusate di aver ricettato elettrodomestici e rubato cavi di rame alla Fondazione “Tenute Orestiadi”, al servizio di illuminazione di via Wainbligen e della piscina comunale di Gibellina, altri al Comune di Poggioreale, 700 metri sono stati sottratti alla diga Delia-Garcia di Castelvetrano, altri cavi elettrici e tubi di rame al  supermercato Despar di Partanna. Infine, è stata rubata la scultura bronzea del “Serpente” realizzata da Piergiulio Montano, custodita nel Palazzo di Lorenzo nella via degli Elimi di Gibellina e successivamente ritrovata scomposta in varie parti dai Carabinieri delle Compagnie di Castelvetrano e Marsala. I totale sono stati sottratti 400 chili di rame in due anni.

Tra i 10 il  tunisino Alì Bouaziz, di 51 anni, era già nel carcere di  Trapani per altri reati, mentre per il gibellinese Gaetano Mancuso, di 25 anni, è stato sottoposto agli arresti domiciliari, per altri cinque agli obblighi di dimora e per tre gli obblighi di presentazione alla polizia giudiziaria.

I carabinieri di Gibellina e Salaparuta, coadiuvati in fase esecutiva di militari di Trapani, hanno dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal Tribunale di Sciacca-Ufficio Gip su richiesta di quella Procura della Repubblica.

I furti sono avvenuti tra il marzo 2014 e il dicembre 2015. L’attività d’indagine è stata svolta con perquisizioni, osservazioni e pedinamenti con l’ausilio d’intercettazione di conversazioni telefoniche.

I capi d’imputazione contestati sono principalmente riconducibili a delitti contro il patrimonio per la sottrazione di consistenti quantitativi di cavi elettrici con anima di rame destinati ad essere trattati mediante bruciatura delle guaine protettive e poi rivenduti sul mercato nero di tale prezioso metallo. L’indagine ha evidenziato una serie di preoccupanti furti che hanno danneggiato strutture pubbliche e private e il sistema di illuminazione delle strade, con conseguente interruzione di pubblici servizi.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X