L'INIZIATIVA

A Mazara una "scuola dei murales"

MAZARA. Una scuola a colori. È «La scuola dei murales». Non è un’accademia ma una innovazione didattica per i ragazzi (tutti dei plessi di via Luigi Vaccara e Gualtiero) inventata dalla Scuola secondaria di I° grado «Giuseppe Grassa» di Mazara del Vallo, diretta da Angela Cristaldi, nell’ambito del Progetto «Area a Rischio», e coordinata dal professore Giacomo Cuttone.

Murales che descrivono il rapporto tra il giovane studente e la società, lo studio dei social, il vedere dentro sé stessi, il fenomeno dell’immigrazione e l’accoglienza a Lampedusa e tanti altri temi sviluppati su pareti bianche disegnate e dipinte con i colori che richiamano la meditazione, la cronaca, la società. Murales che spiegano anche la storia di ieri e di oggi la “deperibilità” riscontrata durante un lavoro di ricerche storiche, di ispezioni, fotografie, quindi la soluzione di trasferire sulle pareti per riprodurre ciò che era stato visto e quello che ha tramandato la storia . Gli studenti hanno ridato vita ad alcuni elementi del patrimonio artistico-culturale della città, realizzando, sulle pareti dei corridoi della scuola in via Gualtiero, cinque murales per un totale di superficie dipinta di 19 metri quadri.

E’ stato realizzato, dalle classi seconda e terza del corso “E”, un segmento di microstoria locale dal titolo «Frammenti di memoria». Sono stati oggetto di studio non tanto i “grandi” monumenti (chiese, edifici, ecc. ), quanto i “frammenti” pittorici, scultorei e architettonici, oggi rimasti inglobati all’interno di chiese o all’esterno di edifici e di cui la maggioranza dei cittadini non ha più cognizione, come l’affresco del “Cristo in trono”del XIII secolo o la “Finestra bifora”di via Garibaldi del XV secolo, l’ “Arco gotico - chiaramontiano” sul prospetto laterale destro della Chiesa di Santa Caterina o i mosaici romani di S. Nicolò Regale. Per il sito archeologico di Roccazzo, invece, si è ipotizzata una soluzione per valorizzarlo. I murales, che li raffigurano si snodano lungo i corridoi su cui si affacciano le aule conferendo alle pareti anche la funzione di “insegnare” trasmettendo silenziosamente, anche all’allievo più distratto che da lì passa, il loro messaggio.

Un esercizio nell’ambito scolastico per creare interesse ed allontanare la dispersione, un’”area a rischio” che lavora per sottrarre giovani adolescenti ai vizi della strada e invogliarli a continuare gli studi. L’ultima “opera” è un murales, realizzato qualche giorno fa, che ha per titolo “#conlatestafralenuvole”. Ha come oggetto il rapporto degli adolescenti (e non solo) con i social diventati, ormai, insostituibili mezzi di comunicazione: basta un "click" per essere subito connessi con i propri amici, scambiare informazioni e immagini. «Questo è un bene o un male?” “Sicuramente – spiega il professore Cuttone che insegna “Arte e Immagine” - tutto questo, incide sull’ attenzione, sulla memoria, sulla concentrazione, sul ritmo dei pensieri, sul comportamento, soprattutto in quello degli adolescenti che, spesso, scambiano il web con la vita reale.

DAL GIORNALE DI SICILIA. PER LEGGERE TUTTO SCARICA LA VERSIONE DIGITALE DEL QUOTIDIANO

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook