PON

Fondi per la sicurezza, i sindaci del Trapanese già programmano

di

TRAPANI. L’opportunità è ghiotta: 360 milioni circa destinati a tutte le Regioni del Mezzogiorno (Sicilia, Basilicata, Calabria, Campania, Sardegna) per finanziare progetti finalizzati ad aggredire le cause del radicamento della criminalità nei territori, che rischia di vanificare le politiche di coesione e crescita sociale che pure vengono attuate.

È quella che viene offerta dal Programma Operativo Nazionale "Legalità" 2014/2020 che è stato illustrato nei giorni scorsi nel corso di una riunione convocata dal prefetto Giuseppe Priolo, dal vice capo della Polizia, Matteo Piantedosi, Autorità di Gestione del PON SICUREZZA, che i sindaci della provincia di Trapani intendono non lasciarsi sfuggire.

Il sindaco di Alcamo, Domenico Surdi , assieme all’assessore Roberto Russo aveva già considerato che «la diffusione della legalità, la lotta alla corruzione e l’inclusione sociale, attraverso il recupero dei patrimoni confiscati, sono le linee strategiche indispensabili per ben amministrare e garantire la sicurezza della collettività».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook