ARTE

Alcamo, una mostra per ricordare alla città Pietro Spica

di

ALCAMO. Ha dipinto ritratti in cui traspare il suo amore per il mondo e che rappresentano le sofferenze umane in tutte le stagioni della vita. Paesaggi, orizzonti marini, notturni, chiari di luna, nudi femminili in tutta la loro sensualità.

Anche quadri che ritraggono scene di momenti vissuti durante il terremoto del Belice: è del 1970 la “Notte di Gibellina”, dipinta rispondendo all’appello per sostenere le popolazioni terremotate. Quella di Pietro Spica, artista alcamese, è una pittura che racconta la vita. Venticinque anni dopo la sua morte, Spica è stato ricordato con una mostra antologica a lui dedicata, al Centro congressi Marconi di Alcamo.

L’esposizione si è tenuta nella sala Rubino del Marconi fino a ieri. Si tratta di opere facenti parte di collezioni private e quattro del Comune. Costantemente presenti in sala la moglie novantenne Francesca, i figli Flavia e Vincenzo.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG: ,

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X