GUARDIA DI FINANZA

Contrabbando di gasolio fra Trapani, Palermo e Catania: 5 arresti

TRAPANI. Decine di finanzieri, in collaborazione con funzionari dell'Agenzia delle Dogane di Trapani, hanno eseguito, nelle province di Trapani, Palermo e Catania, arresti e sequestri per reati di associazione per delinquere e contrabbando di prodotti petroliferi.

Sono stati disposti gli arresti domiciliari per cinque persone e il sequestro di beni per oltre 40 milioni di euro. Sigilli alla Pinta Zottolo Spa di Mazara del Vallo, uno dei depositi fiscali di carburante con capacità di stoccaggio di circa 4 milioni di litri di oli minerali e la Messana Saverio Srl di Alcamo.

Secondo l'accusa gli indagati avevano simulato la denaturazione di enormi quantità di gasolio - dice la Gdf - da destinare ad usi agevolati (con aliquota fortemente scontata o esente) ed emesso falsi documenti di trasporto e false fatture di vendita dello stesso prodotto nei confronti di clienti compiacenti o talvolta addirittura completamente estranei ed ignari di essere destinatari solo cartolari del prodotto petrolifero.

Attraverso questo meccanismo, sostengono gli inquirenti, l'organizzazione ha contrabbandato, in soli 2 anni, circa 40 milioni di litri di gasolio, per un imposta evasa pari a circa 25 milioni di euro (tra IVA e Accise), aumentando esponenzialmente il proprio volume d'affari e acquisendo un ruolo di supremazia sul mercato dei carburanti.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X