LA RICERCA

Pescato ecosostenibile, disposti a pagare di più

di

MAZARA. Quanto influisce nelle scelte del consumatore il trovarsi sui banchi delle pescherie in mercati e ipermercati un pesce fresco pescato con metodi ecosostenibili e lo stesso tipo di pesce sulle cui cassette non c' è indicato nulla? A chiederselo sono stati un gruppo di ricercatori dell' Iamc-Cnr di Mazara del Vallo e Capo Granitola che hanno condotto il laboratorio "Eco-sostenibilità e responsabilità sociale", sviluppato nell' ambito del più ampio progetto "Nuove rotte: Blue Economy", che ha visto capofila il Distretto della pesca Cosvap.

«La ricerca - spiega chi ha lavorato al progetto - è nata proprio per verificare le potenzialità di vendita di un prodotto ittico siciliano certificato con un marchio di ecosostenibilità del processo di cattura». In soldoni la domanda di fondo che i ricercatori si sono posti è stata questa: i consumatori sono disposti a pagare un prezzo in più davanti a due prodotti simili che si differenziano, però, per metodi di cattura? Di fondo la linea guida della ricerca, è stata quella di intrecciare due fattori: la ecosostenibilità del mare e la responsabilità sociale del consumatore.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook