IL CASO

Trapani, cassoni di amianto tolti dopo due anni

di
TRAPANI. Due anni e mezzo per rimuovere i contenitori in eternit dalla scuola di Marausa. È il tempo trascorso tra la richiesta del dirigente scolastico e l’avvio della procedura per la rimozione da parte del Comune. Si tratta, nello specifico di sei contenitori dalla capienza di mille litri ciascuno e di 4 coperchi in eternit posti sul tetto dell’Istituto comprensivo “Collodi–Sturzo” di Marausa.
Il dirigente scolastico ha chiesto un intervento dell’amministrazione per la rimozione dei contenitori in eternit “dismessi” il 13 marzo 2014 tramite una mail. Ma non ha ricevuto alcuna risposta, tanto che ha inviato una successiva nota nel dicembre 2015. Soltanto nei mesi successivi l’apparato burocratico si è messo in moto, con il sindaco Damiano che, il13 gennaio di quest’anno, rimetteva ogni valutazione di competenza sulla gestione di questi rifiuti al settore Tutela Ambientale.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE 

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X