TRIBUNALE DI MARSALA

"Indizi di reato nelle dichiarazioni" del questore di Trapani, il giudice: si nomini un avvocato

TRAPANI. Per aver reso «dichiarazioni autoindizianti», il presidente del collegio penale del tribunale di Marsala Marcello Saladino, oggi, durante una pubblica udienza, ha invitato il questore di Trapani Maurizio Agricola, che stava deponendo come teste, a nominare un difensore di fiducia sospendendo l'esame in quanto dalle dichiarazioni del questore erano emersi indizi di reato a suo carico.

Il presidente ha invitato anche un'altra teste, Laura Tuccio, vice capo di gabinetto della Questura di Trapani, a nominare un legale di fiducia per le stesse ragioni. Agricola e Tucci erano stati chiamati come testi dall'avvocato Antonino Sugamele, difensore del commissario Carlo Nicotri dirigente del commissariato di Mazara del Vallo, imputato di rivelazione e utilizzazione di segreti d'ufficio.

In particolare, il questore durante la deposizione ha detto di aver avvisato, in altre occasioni per «cortesia istituzionale» i vertici gerarchici di appartenenti alle forze dell'ordine coinvolte in ipotesi di reato.

Nel caso specifico avvisò il comandante provinciale dell'arma e ordinò al commissario, attraverso la Tuccio, di informare il comandante della compagnia di Mazara che un cittadino aveva denunciato due militari per falso.

© Riproduzione riservata

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X