VALDERICE

Schiaffi alla Casa del Fanciullo, i ragazzini confermano accuse

di

TRAPANI. La violenza era la norma. L' assunto che è alla base del processo con le accuse, a vario titolo, di maltrattamenti verso fanciulli e lesioni personali a carico di suor Teresa Mandirà ex responsabile della comunità "Casa del Fanciullo San Pio X" di Valderice, e di altre quattro persone, suor Yvonne Jacqueline Noah, cittadina camerunense in servizio presso l' istituto e dei dipendenti Maria Mazzara, Carlo Cammarata e Maria Milana, è stato confermato in aula attraverso le audizioni dei ragazzini ospiti.

Due dei minori, di cui una ragazzina, escussi in modalità protetta, hanno confermato gli episodi di violenza subiti durante i periodi in cui vissero o comunque furono ospiti nella struttura. Su domanda delle parti civili, due delle quali rappresentate dagli avvocati Nino Sugamele e Salvatore Rapisardi, i due ragazzini hanno chiarito che i maltrattamenti sono stati effettuati anche a danno di altri minori e hanno ribadito di averne subìto di fisici (schiaffi, strattonamenti, graffi) quando si rifiutavano di mangiare o di fare i compiti.

Hanno riferito, altresì, di aver fatto, tal volta, la doccia con acqua fredda e di aver ricevuto, per merenda, cibi passati. I fatti risalgono al marzo 2013.
Il processo è stato rinviato al giorno 27 per l' audizione di altri due minori.

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE

TAG:

* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X