IL CASO

Castellammare, sospesa la chiusura dell'Ipab

di

CASTELLAMMARE DEL GOLFO.  Dopo la richiesta avanzata dal Comune di Castellammare, il Tar ha sospeso il decreto regionale di estinzione dell' Ipab «Regina Elena».

È la nuova tappa dell' annosa vicenda riguardante i problemi di quest' Istituto di pubblica assistenza e beneficenza di Castellammare del Golfo, di cui undici lavoratori sono transitati alle dipendenze del Comune a seguito del suddetto decreto. Sette di questi dipendenti non percepiscono stipendio da ben sette anni.
Il sindaco Nicolò Coppola si dice «soddisfatto della sospensione del decreto», commentando con queste parole: «È inaccettabile che la Regione voglia costringere il Comune a farsi carico di personale e debiti - afferma -. Siamo dalla parte dei lavoratori. Come ho già fatto presente all' assessore regionale alla Famiglia ed al commissario straordinario - prosegue Coppola -, non è accettabile che il personale Ipab "Regina Elena" venga abbandonato al proprio destino in attesa di non chiari provvedimenti. Tuttavia, come ho già fatto presente in più circostanze, è altrettanto inaccettabile che la Regione voglia costringere il Comune a farsi carico di personale e debiti per due milioni di euro che in larga parte sono le retribuzioni e i contributi dovuti, così da andare incontro al dissesto finanziario dell' Ente - conclude il sindaco di Castellammare Nicolò Coppola . Sarebbe un atto irresponsabile da parte di questa amministrazione».

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook
  • Seguici su
X