OMICIDIO NEL 1988

Ricordato a Trapani Alberto Giacomelli, giudice ucciso dalla mafia

di

TRAPANI. "Dopo 14 anni di depistaggi, il 28 marzo 2002, Totò Riina viene condannato all'ergastolo per esserne stato il mandante. La sentenza definitiva il 12 marzo 2003. Vincenzo Virga, capo mafia di Trapani è stato assolto. I killer non sono stati mai individuati con certezza. Quello di Alberto Giacomelli resta l' unico caso di omicidio di un magistrato in pensione nella storia d' Italia. La sua firma di servitore dello Stato, lo condannò a morte".

Così l'Anm (Associazione Nazionale Magistrati) ha ricordato il giudice Alberto Giacomelli che il 14 settembre del 1988, in pensione dall'1 maggio dell' anno prima, venne ucciso a colpi di arma da fuoco alle 8 del mattino a Locogrande, poco dopo avere lasciato, con un' utilitaria, la sua casa di campagna. A 28 anni dalla sua morte, Anm ha rinnovato, quindi, la memoria di "un magistrato rigoroso, riservato, libero da condizionamenti ed esempio di dedizione al lavoro".

DAL GIORNALE DI SICILIA IN EDICOLA. PER LEGGERE TUTTO ACQUISTA L'EDIZIONE DI TRAPANI DEL QUOTIDIANO O SCARICA LA VERSIONE DIGITALE

© Riproduzione riservata

Scopri di più nell’edizione digitale

Dal Giornale di Sicilia in edicola. Per leggere tutto acquista il quotidiano o scarica la versione digitale

LEGGI L’EDIZIONE DIGITALE
* Campi obbligatori

Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)
Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)

X
ACCEDI

Accedi con il tuo account Facebook

Login con

Login con Facebook